SCARRABILE "LIFT" PARTICOLARMENTE ATTREZZATO PER L'IMBOTTIGLIAMENTO DEL VINO

Avete precedentemente avuto modo di verificare la superiorita' del nostro sistema di presa e bloccaggio rispetto alla produzione concorrente, a tale concetto produttivo ci siamo ispirati per soddisfare le esigenze di un nostro cliente che necessitava di un impianto scarrabile realizzato completamente in acciaio inox atto a contenere una linea di imbottigliamento del vino sfuso, permettendo così tale operazione direttamente presso le aziende vitivinicole. Le richieste che avrebbero dovuto caratterizzare tale struttura erano così composte:

- Ambiente parzialmente chiuso con possibilità di operare tranquillamente anche in condizioni climatiche avverse (pioggia, vento, neve), condizionamento parziale della zona di imbottigliamento in grado di evitare così una elevata variazione di temperatura al vino, che potrebbe compromettere la fase di imbottigliamento e/o confezionamento del prodotto finito.

- Piano di lavoro in inox parzialmente inclinato per facilitare la raccolta di tutte le acque di lavaggio che si producono duranti le fasi di imbottigliamento e confezionamento. - Struttura indipendente dalla motrice, per disporre attorno alla stessa, di un ampio spazio di manovra per i carrelli elevatori, mentre la motrice viene parcheggiata presso la zona aziendale preposta.

- La fase di scarico di tale struttura non deve necessitare dell'energia della motrice per eliminare l'inquinamento provocato dai gas di scarico, preservando in tal modo i locali dove viene stoccato il genere alimentare vino.

Richieste di operatività:
La motrice, una volta giunta presso l'azienda che intende imbottigliare il proprio vino, esegue lo scarico automatico della struttura posizionandola a terra ottenendo così un piano di lavoro posto a circa 30 cm dal suolo. Successivamente vengono aperte, tramite automatismi, le pareti laterali ed i piani di calpestio, sollevati i portelloni di protezione e scaricata la nastratrice per la chiusura dei cartoni assieme al marcatore laterale degli stessi, dopo di che vengono eseguiti gli allacciamenti:

1) alla rete idrica presente nella cantina,
2) alla rete elettrica aziendale o in caso di necessità al generatore elettrico presente sul camion con la sua potenza di 16 kw (il consumo medio richiesto è di circa 10 kw);
3) ad un pozzetto di raccolta delle acque reflue di cantina per lo scarico dell'acqua derivante dalla sciacquatrice e di pulizia varia.

Alla fine di tutte le operazioni di lavorazione previste nella catena produttiva, esce il "prodotto vino" fornito dall'azienda vitivinicola, imbottigliato, etichettato e posto in contenitori di cartone.

Tutto ciò è stato puntualmente tradotto in realtà, con precisione ed efficacia dalla azienda Scanferlato; le immagini che compongono la sequenza sono soltanto una piccola parte di tutto ciò che è stato studiato e realizzato in questa meravigliosa macchina dotata ovviamente del marchio "CE"!!! Contattateci !!!